Political Coaching

Ma quanti serial killer, dottor Grillo

22 Nov 2016

Dott. Grillo, per favore, faccia in modo di limare come può quell'espressione per cui i sostenitori del 'sì' siano dei "serial killer" delle future generazioni.
Almeno lei, che si era presentanto, parole forti a parte del tipo "vaffa" e altre, come il rappresentante di una generazione che crede nella democrazia, ama la democrazia, difende la democrazia.
 
La democrazia è anche pensarla diversamente. Glielo debbo dire io? Non penso proprio, considerato che lei ha affermato con decisione questo diritto, alla stregua del rottamatore.
Pensarla diversamente non è la divisione tra serial killer e anime candide, tra portatori della purezza e portatori di violenza omicida. Ma non ne avevamo già abbastanza di queste esecrazioni? Non le pare che chiamare "serial killer" i suoi avversari sia davvero il culmine dell'intolleranza?
 
Ora a me succede un terribile fenomeno, una specie di eterogenesi dei fini. La tentazione di mettermi dalla parte dei "serial killer", dei dannati. Ma questo è esclusivamente un problema mio.

di Mario Papadia

Il nostro blog

La Mensa di Leonardo