Political Coaching

'Apartheid' d'Italia: l'abbandono scolastico

14 Dic 2016



I dati che seguono, sono stati forniti dall’indagine EU Forze di lavoro (LFS). Inoltre nel 2011 la serie storica è stata rivista in seguito alla modifica che Eurostat ha recentemente apportato nella metodologia di calcolo nel trattamento delle mancate risposte. In alcuni casi i dati possono, dunque, differire lievemente da quanto pubblicato gli anni precedenti a quella data. I dati nazionali e regionali presentati sono provvisori perché si riferiscono ad una popolazione non ricostruita alla luce delle risultanze del Censimento generale della popolazione e delle abitazioni 2011.
 
Giovani che abbandonano prematuramente gli studi: corrispondono alla quota di popolazione di età compresa tra i 18 e i 24 anni che ha abbandonato studio e formazione senza aver conseguito un titolo superiore al livello 3C short della classificazione internazionale sui livelli di istruzione (Isced97). Tale indicatore, nel sistema di istruzione/formazione italiano, equivale alla percentuale della popolazione in età 18-24 anni che non ha titoli scolastici superiori alla licenza media (il titolo di scuola secondaria di primo grado), non è in possesso di qualifiche professionali ottenute in corsi con durata di almeno 2 anni e non frequenta né corsi scolastici né attività formative.
 
 
Nel 2013 gli abbandoni scolastici erano al 16,8%:
Nord 14,1%;
Nord-Ovest 15,4%;
Nord-Est 12,3%;
Centro 13,5%;
Mezzogiorno 21,1%
 
Di questi abbandoni erano:
occupati in 246.000;
disoccupati in 194.000;
inattivi in 283.000;
zona grigia dell'inattività in 167.000;
non cercavano e non disponibili a lavorare in 116.000
 
 
Nel 2014 gli abbandoni scolastici sono scesi al 15%:
Nord 12%;
Nord-Ovest 12,9%;
Nord-Est 10,6%;
Centro 12,4%;
Mezzogiorno 19,4%
 
Femmine 12,2%;
Maschi  17,7%
 
Nel 2014 l'abbandono scolastico dei cittadini stranieri era al 34,9%
Nord 30,1%;
Nord-Ovest 32,4%;
Nord-Est 27,4%;
Centro 38,8%;
Mezzogiorno 50,9%
 
Femmine 32,4%;
Maschi  37,4%
 
Sempre nel 2014, degli abbandoni totali erano:
occupati in 201.000;
disoccupati in 186.000;
inattivi in 253.000;
zona grigia dell'inattività in 158.000;
non cercano e non disponibili a lavorare in 95.000
 
I giovani italiani che invece hanno conseguito un titolo di studio nel 2014 sono stati in 52.009, fra cui:
10.378 la licenza di scuola elementare;
16.503 la licenza di scuola media;
  2.598 una qualifica professionale (diploma 2-3 anni);
15.551 la maturità (diploma 4-5 anni);
  6.619 laurea e post-laurea

di Sara De Deo

Il nostro blog

La Mensa di Leonardo